Anatomia del Gatto

Anatomia del Gatto

Anatomia

Il  gatto ha una temperatura corporea che oscilla fra i 38° e i 38,5 °C; la normale frequenza respiratoria è di 10/20 respiri al minuto,mentre la cardiaca é di 110/140 battiti al minuto.

Scheletro e muscoli

Scheletro

Ha un corpo agile, flessibile e massiccio che gli permette di camminare con passo felpato e silenzioso consentendogli di spiccare grandi salti;grazie alle sue unghie retrattili (per la precisione protrattili, visto che nella condizione ordinaria di riposo si trovano nascoste e vengono estratte solo all’occorrenza) riesce ad arrampicarsi con grande agilità.

Il suo scheletro è formato da 250 ossa. Le vertebre del collo sono corte e la colonna vertebrale molto mobile. La clavicola dei gatti, come per tutti i felini, è piccola e collegata allo sternounicamente da un legamento: ciò gli conferisce una grande mobilità visto che le spalle possono muoversi indipendentemente. Le vertebre caudali prolungano la colonna, il loro numero è variabile in funzione della razza. La coda ha un ruolo importante nel mantenimento dell’equilibrio.

Le zampe anteriori terminano con cinque dita fornite da artigli protrattili, formati da cheratina, ma solo quattro di essi toccano il suolo, visto che il pollice resta di fianco

Artiglio

. Le zampe posteriori, più lunghe di quelle anteriori, terminano con quattro dita fornite anch’esse di artigli retrattili. I cuscinetti sono costituiti da membrane elastiche che gli conferiscono la caratteristica andatura silenziosa.

I muscoli dorsali sono molto flessibili e quelli delle zampe posteriori molto potenti. Queste specifiche gli conferiscono una grande agilità e ampiezza quando salta: può tranquillamente saltare ad un’altezza cinque volte superiore alla sua statura. Nella corsa può raggiungere i 40km/h riuscendo a fare 100m in 9 secondi. Ma non è un corridore di lunghe distanze e si stanca molto velocemente. Contrariamente a quello che generalmente si pensa, tutti i gatti sanno nuotare molto bene e non esitano a gettarsi in acqua se costretti.

Un gatto pesa in media tra i 2.5 e i 4.5kg e misura da 46 a 51cm senza la coda che misura dai 20 ai 25cm. Il record di peso e grandezza è detenuto da Himmy, un gatto castrato australianoche alla sua morte nel 1986 pesava 21.3Kg per 96.5cm di lunghezza totale.

Sistema digestivo

Organi interni

Dentizione

Come tutti i carnivori, l’ultimo premolare superiore e il primo molare inferiore formano i canini. Questi permettono ai gatti di strappare il cibo, grazie ai potenti muscoli fissati alle pareti laterali de suo cranio, inghiottendo senza masticare. La mandibola del gatto è fatta in modo che, pur consentendo unicamente una masticazione verticale, ha il vantaggio di permettere un effetto a forbice. L’osso ioideo è ossificato interamente, ciò permette al gatto di fare le fusa ma non di ruggire.

Contrariamente all’uomo, il gatto mastica poco ed il processo di digestione comincia nellostomaco e non in bocca.

Lo stomaco del gatto è piccolo (circa 300 millilitri ) ma possiede un’acidità molto elevata che è utile anche come mezzo di prevenzione delle infezioni digestive Il suo intestino piuttosto corto (circa un metro) per l’intestino tenue e da 20 a 40 cm per il colon è tipico dei cacciatori di piccole prede. Queste dimensioni spiegano perchè il gatto deve mangiare frequentemente ma in piccole quantità (tra i 10 ed i 16 pasti) . Il sistema digestivo del gatto è anche poco adatto alla varietà alimentare, che gli può causare delle diarree e dei vomiti. Infine il transito degli alimenti nel sistema digestivo dei gatti è rapido: tra le 12 e le 14 ore .

Il pelo

sphynx

Il colore del pelo è molto vario in funzione delle razze, si va dalle razze a pelo lungo fino a razze quasi senza pelo come lo sphynx. Probabilmente in origine il pelo era di colore grigio-marrone tigrato adatto alla mimetizzazione durante la caccia.

La pelliccia del gatto è composta da peli lunghi che coprono la superficie esterna e da peli corti sotto. Questo permette una buona isolazione termica. Il manto di un gatto è composto da più colori che formano diversi motivi. Certi individui hanno delle grandi macchie mentre altri delle striature o delle macchie più piccole. Il colore del pelo di un gatto può avere più tinte (nero, bianco, blu, rosso,…) più o meno diluiti o scuri. Il maschio, per delle ragioni genetiche può assumere solo uno o due colori alla volta, salvo rare eccezioni. In principio solo le femmine possono portare tre colori.

Il gatto impiega molto tempo nella pulitura del suo pelo perché questo è molto importante per regolare la sua temperatura corporea. La sua lingua è coperta da piccole papille che la rendono molto ruvida, e gli permettono di snodare il pelo durante la sua toelettatura (salvo casi particolari, i gatti si “lavano” ogni giorno). Avendo un elevato rapporto fra superficie epidermica e peso, il rischio di dispersione termica è grande. Se il pelo fosse in disordine o sporco, le caratteristiche isolanti sarebbero meno efficaci. Inoltre in estate, il fatto di bagnare la pelliccia provoca un raffreddamento grazie all’evaporazione della saliva. I gatti perdono il pelo all’inizio della stagione estiva per effetto della muta.

I sensi

Predatore crepuscolare il gatto possiede dei sensi molto sviluppati. Percepisce il mondo diversamente dagli umani, è forse per questo che gli vengono associati dei poteri sopranaturali. Esistono diverse storie che raccontano come dei gatti hanno predetto dei terremoti o altre catastrofi, scappando prima del fenomeno. La spiegazione è probabilmente legata alla percezione di frequenze non udibili dagli esseri umani.

Vista

tapetum lucidum

Il gatto riesce a vedere in condizione di scarsissima luminosità grazie al tapetum lucidum, letteralmente ‘tappeto lucido’, formato da strati di cellule contenenti dei cristalli riflettenti posti sotto la retina, che hanno la funzione di rispecchiare la luce amplificandola.

Come l’uomo, il gatto ha una visione binoculare che gli consente di percepire la distanza. Di giorno la sua vista è meno efficiente ma coglie comunque bene i movimenti, anche se distingue difficilmente i dettagli degli oggetti. È controversa la sua capacità di vedere i colori. Recenti studi hanno però dimostrato il contrario confermando la capacità cromatica dell’occhio felino. In alcune ricerche ne emergerebbe anche un certo daltonismo. Confonderebbero il bianco con il giallo, ed il rosso con il verde scuro. [2]

Udito

Come molti predatori anche il gatto ha un udito molto fine, aiutato dalla capacità di orientare i padiglioni auricolari che isolano la fonte sonora interessata dai rumori ambientali rendendo possibile l’individuazione della sorgente. Tra i mammiferi, l’ampiezza dell’audiogramma del gatto è notevole ed arriva fino ai 50000 Hz[4]. La maggiore sensibilità alla alte frequenze lo favorisce nella caccia ai roditori che emettono tipiche alte frequenze[3]. La maggioranza dei gatti bianchi (più del 60%) è sordo da una o dalle due orecchie. È stato dimostrato che l’allele W, all’origine del colore del pelo, è direttamente responsabile di una degenerazione dell’orecchio interno che provoca la sordità. Il gatto nasce normale, ma dopo una settimana il suo orecchio invece di svilupparsi, subisce delle alterazioni progressive. La degenerazione si completa dopo tre settimane.

Olfatto

Il gatto possiede 19 milioni di terminazioni olfattive, rispetto ai nostri 5 milioni; esse sono specializzate nell’individuazione del cibo. In effetti ha una sensibilità a vari composti azotati, consentendo all’animale di stabilire, con grande sensibilità, se il pasto è rancido e andato a male: mentre il cane azzanna il boccone che gli viene dato, il gatto lo ispeziona annusandolo. L’Organo di Jacobson, che manca a noi umani ma è presente anche in altre specie come i canie i cavalli, è in grado di rilevare sia sensazioni olfattive che gustative, ha lo specifico scopo di trasmettere gli stimoli sensitivi ai centri sessuali del cervello. L’olfatto è anche importante nella sua vita sessuale: il maschio riesce a sentire l’odore della femmina a centinaia di metri di distanza.

Gusto

Ha un senso del gusto molto sviluppato grazie al quale può percepire una minima variazione nel sapore dell’acqua. Il gatto percepisce poco i sapori dolci[5]. Contrariamente al cane, il gatto percepisce il gusto con la punta della lingua, ciò gli permette di ingurgitare direttamente i bocconi.

Tatto

I cuscinetti.

Anche il suo senso del tatto è ben sviluppato. I suoi baffi, chiamati vibrisse, gli permettono di percepire piccole variazioni nella pressione dell’aria e a percepire gli ostacoli. È anche grazie ad essi che riesce ad orientarsi nel buio più assoluto e a percepire le dimensioni dei piccoli spazi. Possiede delle vibrisse anche sotto le zampe, sotto il mento e alle sopracciglia. I cuscinetti sotto le zampe sono molto sensibili alle vibrazioni e la sua pelle è coperta di cellule tattili estremamente sensibili.

L’equilibrio durante le cadute: l’organo vestibulare

Il suo organo vestibulare è particolarmente sviluppato, gli conferisce un buon senso dell’equilibrio. Ciò spiega la sua particolare capacità di rigirarsi durante una caduta per cadere sulle sue zampe. Se un gatto cade da più di due metri (se non è il caso la sua tecnica non funziona) anche se è sulla schiena, può rigirarsi girando dapprima la testa in direzione del suolo, poi le zampe davanti e poi quelle dietro [6]. Il gatto si ritrova allora con il ventre verso terra ed assume una posizione che ricorda quella degli scoiattoli volanti. Non sempre questa manovra riesce però a salvargli la vita[7].

Riproduzione

Maturità sessuale

Il maschio comincia a sviluppare le funzioni riproduttive verso i 3 mesi con l’aumento della produzione di testosterone. Verso i sei mesi appaiono delle spine sul pene del gatto [8]. A quest’età può cominciare a riprodursi sovente, marca il territorio spruzzando dei piccoli getti diurina dall’odore molto marcato.

La femmina diventa pubere al suo primo estro, periodo chiamato comunemente «in calore», che sopraggiunge in media tra i sette e dieci mesi [9]. A partire dalle prime mestruazioni, che durano da uno a cinque giorni, la gatta è atta a riprodursi. In seguito avrà numerosi periodi di fertilità, generalmente situati dalla primavera all’autunno. È possibile che una gatta sia di nuovo fecondata due settimane dopo aver partorito [10].

Accoppiamento

Accoppiamento del gatto.

Durante l’accoppiamento, che dura tra 5 e 15 secondi, il maschio sale sulla schiena della femmina e gli morde il collo e calpesta piétine la groppa per migliorare la penetrazione. Verso la fine la femmina tende a gemere e ad innervosirsi, perchè le piccole spine presenti sul pene del maschio, orientate all’indietro, raschiano le pareti della vagina della femmina. Questa stimolazione della vagina è necessaria per attivare l’ovulazione [11]. Ad ogni penetrazione, la gatta emetterà un ovulo, questo spiega perchè i gattini di uno stesso parto possono sovente essere di gatti differenti[12].

Quando i gatti vivono in gruppo, avviene una sincronizzazione tra l’estro delle femmine del gruppo. Questo favorisce la sincronizzazione delle nascite e permette un allevamento in comune dei giovani. L’allevamento comunitario è importante dato che in caso di disparizione di una delle madri, i gattini orfani vengono allevati dalle altre femmine.

Gravidanza e parto

La gravidanza dura da 63 a 65 giorni e una cucciolata comporta in media da 4 a 5 gattini, il massimo è di otto.[9]. Il ventre della gatta comincia a gonfiarsi verso le quattro settimane di gestazione. A circa 35 giorni, le mammelle della femmina ingrossano e si arrossano. A sette settimane, comincerà a cercare un posto calmo e adatto per partorire[4].

Dopo circa venti minuti dopo le prime contrazioni, la gatta partorisce il suo primo gattino, poi, in generale, gli altri gattini arrivano ogni quindici minuti. I gattini vengono al mondo in una sacca, la gatta lava immediatamente i suoi cuccioli, con dei colpi di lingua, per stimolare la prima inspirazione. Poi mangia la placenta, che è molto nutritiva, e taglia il cordone ombelicale.

L’allevamento dei gattini

Il gattino nasce cieco (con gli occhi chiusi) e sordo. Pesa da 100 a 110 grammi[9]; quando apre gli occhi, intorno agli otto-dodici giorni, questi hanno un colore blu, fino al cambiamento definitivo verso i due mesi [13]. Tutti i gatti nascono con delle striature “fantasma” che spariscono lentamente con la crescita del pelo[14].

La gatta insegna ai gattini a lavarsi ed a nutrirsi. A quattro settimane gli porta la prima preda viva, poi a cinque settimane gli insegna i rudimenti della caccia[14]. L’emancipazione si produce tra le otto e le dodici settimane, ma la separazione dalla famiglia avviene all’età di otto mesi[9].

Gatta con gattini

Gattino di 3 ore.

Gattino di 6 settimane.

Sterilizzazione e castrazione

Per impedire all’animale di riprodursi, si esegue un’operazione chirurgica. Per il maschio è chiamata castrazione e consiste nell’ablazione dei testicoli. Presso la femmina si chiamasterilizzazione e viene effettuata con l’ablazione delle ovaie.

Oltre all’arresto della riproduzione, la sterilizzazione modifica il comportamento e la psicologia dell’animale. Presso il maschio, una sterilizzazione precoce, prima della pubertà, limita il comportamento territoriale e diminuisce la tendenza a marcare con getti di urina e graffi. Nella femmina l’estro non si manifesta più. Il cambiamento ormonale può provocare un aumento del peso visto che i bisogni energetici sono diminuiti[15].

Comportamento

Il gatto è un animale territoriale. Il territorio del gatto ha un raggio attorno alla sua dimora di almeno 10 chilometri per i maschi e di almeno 200m per le femmine. Il territorio viene delimitato emettendo i feromoni. L’interazione con gli altri gatti viene centrato sulla relazione con il territorio. La memoria del territorio viene costruita additivamente, impara quanto viene “aggiunto” al territorio, ma non si accorge di quanto viene tolto. Ad esempio un gatto ritornerà continuamente a controllare la tana di un topo che ha catturato, anche se sà che questa è vuota.

Il gatto non è un animale unicamente solitario: a seconda dello spazio e delle risorse disponibili, i gatti possono formare delle strutture sociali che vanno dal gatto solitario in ambiente rurale, a dei larghi e densi gruppi in ambiente urbano.

Comunicazione

I gatti comunicano tra di loro principalmente con dei feromoni e delle posizioni corporali.

Le ghiandole contenenti i feromoni si trovano in numerosi punti sul corpo: ghiandole anali, attorno alla coda, attorno alla bocca, sulle guancie e tra i cuscinetti sulle zampe. I feromoni si depositano anche sulla saliva, nel materiale fecale e nell’urina. Hanno il vantaggio di durare nel tempo, anche in assenza del gatto. Possono essere deposte volontariamente (per marcare il territorio, per stabilire dei contatti sociali e quando il gatto si pulisce) oppure involontariamente (per stress, attaccamento della madre ai suoi piccoli, con i feromoni sessuali).

Posizioni corporali

Il gatto utilizza per comunicare anche una larga gamma di posizioni corporali . La posizione generale del corpo, le sue mimiche facciali o il movimento della sua coda, degli occhi e delle orecchie indicano il suo stato emozionale. Quando è spaventato o aggressivo tira indietro le orecchie e tende i baffi. La coda sollevata è in segno di saluto. Quando è spaventato e vuole incutere paura all’avversario fa una gobba e rizza il pelo per apparire più grosso.

La coda ritta, con la sola punta piegata da un lato, è indice di benessere e di piacere. La coda agitata ritmicamente, talvolta sbattuta con una certa forza da un lato all’altro mostra invece nervosismo che può trasformarsi in aggressività. Alle volte la madre utilizza la sua coda per stimolare l’istinto di caccia della sua prole.

Gatto sottomesso.

Gatto che rizza il pelo.

Gruppo di gatti che condividono dei resti.

Miagolii

Il miagolio è un grido caratteristico del gatto; il verbo miagolare deriva dall’onomatopea miao, stilizzazione del verso. In genere il gatto è piuttosto discreto e miagola poco, ma alcune razze, come i siamesi sono più loquaci di altre.

Il gatto grida sovente e fortemente quando cerca un compagno o una compagna. In questo caso i miagolii sono emessi dapprima dalle femmine, all’inizio dell’estro, poi durante tutta la durata dell’accoppiamento, sia dal maschio che dalla femmina, con numerose variazioni possibili. Più raramente il gatto emette un miagolio a scatti a bassa intensità, quando vede una preda fuori portata, come un uccello o un insetto volante. Questi miagolii sono sovente accompagnati dallo scatto delle mandibole, alle volte accompagnati da vivi movimenti della coda.

Ringhi

Il gatto in posizione di attacco o di difesa, è anche capace di ringhiare e soffiare per intimorire e avvisare l’avversario. Secondo alcuni ricercatori il soffio imita il comportamento del serpente [16]Quando è aggressivo, specialmente in rapporto con altri suoi simili, il gatto può emettere unringhio di tonalità molto bassa e profonda, che è considerato l’ultimo avviso prima dell’attacco.

Fusa

Il meccanismo dell’emissione delle fusa dei gatti non è ancora conosciuto. I felini non sembrano possedere un organo dedicato alle fusa. Una prima ipotesti suppone una contrazione molto rapida dei muscoli della laringe, che comprimerebbe e dilaterebbe la glotta facendo vibrare l’aria che passa. Un’ipotesi più antica, evoca una vibrazione della vena cava, amplificata dai bronchi, dalla trachea e dalle cavità nasali. Queste vibrazioni sonore si ritrovano nella maggior parte dei felini, ma il loro meccanismo e la loro utilità non sono ancora spiegati completamente.

Le fusa cominciano all’età di due giorni: durante l’allattamento i piccoli rassicurano in questo modo la madre che tutto va bene e questa non deve continuamente sorvegliarli. Le fusa della madre, a loro volta, rassicurano i piccoli che sono al sicuro. L’emissione delle fusa avviene anche durante la pulitura dei piccoli, ma può avvenire anche quando il gatto è malato, ferito o morente. In questi ultimi casi è probabile che le fusa servono a calmare l’animale e per richiedere un aiuto.

Sonno

Gatto che dorme in pieno giorno (animazione)

Il gatto necessita tra 12 e 16 ore di sonno, ma in generale dorme di più: dalle 15 alle 18 ore al giorno. Resta così sveglio circa dalle 6 alle 9 ore delle quali una parte durante la notte per cacciare. Il sonno del gatto comprende una grande proporzione di fasi di sonno paradossaledurante le quali sogna: la durata quotidiana di questa fase dura da 180 a 200 minuti, mentre per l’uomo si eleva a 100 minuti[17]. Per questa ragione il gatto viene utilizzato spesso per esperimenti nel quadro dei cicli del sonno.

Durante le fasi del sonno paradossale, l’attività elettrica del cervello, degli occhi e dei muscoli è molto importante. Si assiste al movimento delle vibrisse, a sussulti delle zampe o della coda, il pelo può rizzarsi e il gatto può cambiare posizione.

Graffi

Gatto che graffia un albero per marcare il territorio.

La crescita degli artigli del gatto è continua e compensa l’usura naturale. Il gatto può aggiustare la lunghezza e affilare i suoi artigli strofinandoli contro delle superfici rugose. I graffi sono dei marchi visuali ed odorosi. Questo comportamento è per comunicare agli altri gatti l’appartenenza del territorio.

Pulizia

Durante la loro pulizia ingeriscono molti peli che poi si accumulano nel loro stomaco, formando delle palle di pelo chiamate bezoari. Questo perturba il transito intestinale e vengono dunque vomitate per evitare l’occlusione intestinale. La pulizia reciproca tra gatti è riservata solo tra gatti che si conoscono intimamente. Si leccano per scambiarsi l’odore e per depositare sull’altro dei feromoni calmanti [8].

Escrementi

I gatti in natura, scelgono dei luoghi con terra molle per depositare i loro escrementi. Li coprono in seguito con della terra, grattando con le loro zampe anteriori. L’odore degli escrementi innesta il loro interramento. Questo atteggiamento permette allo stato selvaggio di non far individuare il loro odore dai predatori e di diminuire i rischi di infezioni da parassiti[18]. È un atteggiamento inculcato dalla madre ai cuccioli molto presto. Il gatto produce escrementi una o due volte al giorno ed urina fino a cinque volte al giorno, questo escludendo le attività di marcaggio urinario del territorio. Questo ultimo comportamento è riconoscibile perchè il gatto alza la coda e si mette con la schiena verso l’oggetto da marcare. Anche la defecazione è utilizzata come marcaggio del territorio quando gli escrementi vengono depositati in luoghi ben in vista e nei siti di passaggio. Con l’invecchiamento dell’animale, il volume dell’urina può crescere a causa di frequenti problemi benigni ipertiroidei

Animale domestico, ma non troppo – la convivenza con l’uomo

Il gatto è un animale il cui domesticamento è relativamente recente. Per questo conserva una sua naturale diffidenza e indipendenza. Nei gatti non esiste una struttura gerarchica come nei cani, e dunque il suo rapporto con gli umani è diverso: l’essere umano viene considerato come una madre sostitutiva che è utile per procurare il cibo e garantisce protezione. In questo senso il gatto non si lega al suo “padrone” e se questo manca, spesso si adatta facilmente alla nuova situazione. Non per questo il gatto non può provare affetto verso le persone e in alcuni casi può anche mostrare un atteggiamento protettivo verso il suo padrone.

Una compagnia benefica

Diversi studi hanno evidenziato come la compagnia di un gatto possa aiutare le persone con problemi psichici, le persone sole o stressate abbassandone la tensione. Esistono persino delle tecnice di gattoterapia[19]

La caccia

Il gatto è essenzialmente carnivoro. Il suo organismo necessita la taurina, un derivato degli acidi amminici che non sintetizza sufficentemente ma che ritrova nella carne. Un gatto che non assimila una dose sufficente di taurina riscontra sintomi di disturbi oculari e cardiaci, un deficit immunitario e nelle femmine dei problemi riproduttivi.

Tecniche di caccia

Già nei primi mesi di vita si possono osservare dei giochi di caccia nei gattini, alle volta utilizzando la coda della madre. Il gatto utilizza due tecniche di caccia:

  • la prima tecnica è dinamica. Consiste nell’avvicinarsi lentamente e silenziosamente alla preda, fino ad essere alla distanza giusta per eseguire il balzo finale. In questa tecnica assume importanza la proprietà mimetica del pelo.
  • la seconda tecnica è statica. Consiste nel posizionarsi in una zona di interesse e aspettare, ad esempio nei pressi della tana di un topo.

Tutti i gatti utilizzano questi due tipi di strategia. I metodi utilizzati non sembrano specifici al tipo di preda, ma i gatti possono specializzarsi nella cattura di un specie.

Per uccidere la preda il gatto la morde generalmente alla nuca, spaccando così la colonna vertebrale. Le prede più cacciate sono i piccoli roditori, ma possono anche essere lucertole, piccoli uccelli ed insetti. Alle volte può anche attaccarsi ai ricci, conigli e serpenti. Non esita in caso di bisogno a nutrisi anche di scarti.

I gatti domestici che hanno l’opportunità di cacciare fin da giovani divorano generalmente la loro preda. In genere, prima di ucciderla giocano con essa prima di divorarla. Alle volte la portano al loro padrone considerandolo un genitore adottivo poco abile nella caccia [20].

Il cioccolato è tossico per i gatti, visto che contiene la teobromina che non può essere metabolizzata dal loro organismo (come pure da quello dei cani).

Avvicinamento.

Gatto con un uccello catturato.

Gatto con un roditore in bocca.

 * è possibile inviare informazioni integrative alla pagina Anatomia del Gatto